Ai docenti

Ai genitori

Al personale ATA

Al Dsga

 

In base al quadro di riferimento normativo (dereto legge 25 marzo 2020, n. 19; Nota dipartimentale 17 marzo 2020, n. 388, recante “Emergenza sanitaria da nuovo Coronavirus. Prime indicazioni operative per le attività didattiche a distanza” ; decreto legge 8 aprile 2020, n. 22, convertito, con modificazioni, con Legge 6 giugno 2020 n. 4; DL 22/2020; decreto legge 19 maggio 2020, n. 34; decreto del Ministro dell’istruzione 26 giugno 2020, n. 39 contenente le Linee guida per l’erogazione della Ddi) e alle indicazioni DaD/Ddi contenute nel Regolamento del nostro Istituto Comprensivo si precisa che la DaD (Didattica a Distanza) è prevista con attività sincrone ESCLUSIVAMENTE quando tutta la classe è in quarantena (assenze in aula al 100%). La DaD, pertanto rappresenta uno strumento di emergenza in un periodo di sospensione improvvisa delle attività scolastiche per motivi legati alla pandemia Covid19 (quarantene dell’intero Istituto, gruppo classe e lockdown).

La DDI (didattica digitale integrata), invece, è COMPLEMENTARE alla didattica in presenza; è lo strumento didattico che consente di garantire il diritto all’apprendimento delle studentesse e degli studenti che, iniziato l’anno scolastico in classe, si trovino nelle condizioni di improvvise restrizioni di mobilità, oppure vivano l’esperienza della quarantena.
La DDI si propone cioè di integrare e supportare la didattica quotidiana, il cui obiettivo primo è l’EROGAZIONE IN PRESENZA.
Essa si configura come strumento utile per:

  • gli approfondimenti disciplinari e interdisciplinari;
  • la personalizzazione dei percorsi e il recupero degli apprendimenti;
  • lo sviluppo di competenze disciplinari e personali;
  • il miglioramento dell’efficacia della didattica in rapporto ai diversi stili di apprendimento;
  • la rispondenza a esigenze dettate da bisogni educativi speciali (disabilità, disturbi specifici dell’apprendimento, svantaggio linguistico, etc.).

Le attività della Ddi, come suggeriscono le Linee Guida, devono offrire agli studenti una combinazione adeguata di attività in modalità sincrona e asincrona, per consentire di ottimizzare l’offerta didattica con i ritmi di apprendimento, avendo cura di prevedere sufficienti momenti di pausa. Esse POTRANNO dunque essere costruite intorno a:

  • attività sincrone, ovvero svolte con l’interazione in tempo reale tra gli insegnanti e il gruppo di studenti; sessioni di lavoro audio-video comprendenti anche la verifica orale degli apprendimenti o lo svolgimento di elaborati e compiti monitorati in tempo reale;
  • attività asincrone, ovvero senza l’interazione in tempo reale tra gli insegnanti e il gruppo di studenti (attività strutturate e documentabili, svolte con l’ausilio di strumenti digitali, con l’ausilio di materiale didattico digitale fornito o indicato dall’insegnante, visione di videolezioni, elaborazione di materiale digitale, individuale o di gruppo, secondo le consegne e sotto il monitoraggio del docente di riferimento).

Le attività e le modalità di erogazione devono essere CALIBRATE in base alle diverse età e ai bisogni degli alunni e dovranno essere UNIFORMATE previo accordo tra docenti in sede di interclasse, CdC e dipartimenti, tenendo conto degli strumenti e delle risorse a disposizione degll’Istituzione scolastica. Nello specifico si deciderà in queste sedi comuni se privilegiare le modalità sincrone o asincrone ed eventualmente in quale misura. Tali scelte, infatti, dovranno conciliarsi con le esigenze temporanee della scuola e dovranno essere “sostenibili” da parte dell'istituzione dal punto di vista delle risorse disponibili e anche da parte degli alunni nel rispetto delle diverse situazioni e della normativa vigente.

Si sottolinea inoltre che, a causa dell’emergenza Covid19, in caso di numerose assenze del personale docente sarà data la priorità alla copertura delle classi in presenza. Gli insegnanti infatti sono chiamati a dare la precedenza alla copertura delle classi in presenza, rispetto a tutte le lezioni da svolgersi in modalità digitale. Tra l’altro, anche nei documenti ministeriali viene specificato che l’obiettivo primario è l’erogazione del servizio in presenza. In ogni caso gli alunni costretti a un temporaneo allontanamento da scuola a causa di quarantene, isolamenti preventivi o contagio Covid, troveranno quotidianamente materiali e contenuti digitali sulle Classroom virtuali.

Si pregano, inoltre, i genitori di non inoltrare richieste di erogazione DaD o Ddi, i docenti della classe sono tempestivamente informati di eventuali isolamenti o quarantene dai referenti Covid e conoscono il protocollo di attivazione della DaD o Ddi.

Si ringrazia per la collaborazione in un momento di grande difficoltà in cui la scuola sta mettendo in campo ogni sforzo per garantire il servizio scolastico nella sua interezza e si resta a disposizione per ogni chiarimento. 

Il Dirigente scolastico

Franca Ida Rossi